Sulla Sardegna serve un approfondimento nei prossimi scenari Enura, per Snam sulla Linea adriatica. Aggiornamento scenari congiunti Snam-Terna entro il 31 gennaio

Con la delibera 539/2020/R/gas del 15 dicembre l’Arera ha valutato i piani decennali di sviluppo delle reti di trasporto del gas naturale 2019 e 2020 e disposto modifiche ai Requisiti minimi informativi e metodologici dei Piani (allegato A alla delibera 468/2018/R/gas), resesi necessarie in relazione alle carenze informative riscontrate dall’analisi dei Piani e dei documenti ad essi propedeutici.

Tra le modifiche ai Requisiti minimi è stato previsto che gli interventi per la transizione energetica siano presentati all’interno dei Piani, in una sezione chiaramente separata.

Sono previsti requisiti riguardanti l’analisi costi-benedici (ACB), richiedendo tra l’altro la massima uniformità possibile ai costi unitari standard indicati nell’Appendice informativa ai Criteri applicativi ACB, nonché prevedendo verifiche esterne indipendenti per le valutazioni da parte di soggetti verificatori individuati dall’Autorità, con costi a carico dell’impresa di trasporto proponente. Con riferimento agli interventi di sviluppo delle reti di trasporto in aree di nuova metanizzazione, è stato avviato un procedimento allo scopo di individuare criteri di efficienza per il riconoscimento degli investimenti ai fini tariffari.

Nell’ambito dei prossimi Piani proseguirà la valutazione degli interventi sottoposti ad ACB in relazione ai quali sono emerse criticità ed esigenze di approfondimento:

  • per il Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas, l’intervento Villa di Tirano-Tirano;
  • per Energie Rete Gas, i metanodotti Verres-Ayas, Pont Saint Martin-20 Gressoney la Trinité, Valsesia, Garfagnana”, Valli Neva e Pennavaira, Valli di Lanzo, Alta langa-Valli Belbo e Bormida, Estensione Antey-Torgnon, Tanaro-Arroscia Impero.
  • per Enura, non sussistendo le condizioni per esprimere una valutazione positiva in relazione a tutti gli sviluppi della rete di trasporto previsti nel Progetto Metanizzazione Sardegna, è previsto che il gestore riformuli nei prossimi Piani, coerentemente con le previsioni normative e tenuto conto dei recenti indirizzi formulati dal Mise, l’intervento di sviluppo della rete di trasporto in Sardegna individuando la configurazione infrastrutturale e gestionale ottimale, anche sotto il profilo dei costi, rispetto alle previsioni di domanda attesa.
  • per Infrastrutture Trasporto Gas, proseguirà nei prossimi Piani la valutazione degli interventi finalizzati alle nuove metanizzazioni nella Provincia autonoma di Trento, quali l’adeguamento tecnologico e potenziamento impianti Vestone (BS) e i singoli tratti della dorsale nell’Alta Valle Giudicarie, Tione-Pinzolo/Carisolo, Tione-Comano, Pinzolo-Campiglio, Campiglio-Folgarida, nonché delle eventuali ulteriori estensioni della rete aventi la medesima finalità.
  • per Società Gasdotti Italia proseguirà la valutazione per l’intervento Lucera-San Paolo Civitate.
  • per Snam vale lo stesso con riferimento alla c.d. Linea adriatica e sono necessari approfondimenti riguardo all’analisi dei progetti di sviluppo di centrali di compressione dual fuel di Malborghetto, Messina e Poggio Renatico, valutati positivamente (a tal proposito è stato avviato anche un procedimento per individuate meccanismi finalizzati a restituire agli utenti del servizio di trasporto una quota parte degli eventuali ricavi derivanti dalla fornitura di tali servizi, anche al fine di compensare i maggiori costi di servizio rispetto ad un impianto tradizionale).
  • Sono stati altresì modificati i Criteri applicativi ACB. La data di presentazione dei Piani 2021 è stata posticipata dal 31 gennaio 2021 al 31 marzo 2021.

Infine, alla luce di differenze riscontrate tra gli scenari nazionali del Documento di Descrizione degli Scenari 2019 e gli scenari dei Ten Year Network Development Plan europei, predisposti da Entso-e e Entsog – relativamente ai risultati di importazione/esportazione di energia elettrica e di generazione di energia elettrica in Italia e, conseguentemente, alle previsioni di stima di domanda gas, soprattutto con riferimento alla generazione termoelettrica, e considerate le differenti tempistiche di elaborazione degli scenari – è stato previsto che per la redazione dei Piani di sviluppo 2021 Terna e Snam procedano a un aggiornamento del documento congiunto di descrizione degli scenari che, tra gli scenari contrastanti considerati, contenga uno scenario coerente con lo scenario National Trends, salvo eventuali differenze relative alla rappresentazione più aggiornata o comunque affinata del sistema energetico nazionale; il documento, che dovrà contenere anche un’appendice con rappresentazione sintetica di ipotesi e risultati di scenario, dovrà essere reso pubblico entro il 31 gennaio 2021.

Staffetta Quotidiana, 29-12-2020

Tag: